giovedì 20 luglio 2017

Recensione - The queen of the Tearling di Erika Johansen #1

Buongiorno lettori,sono tornata con la mia prima recensione su questo blog! Come potete leggere dal titolo, vi parlerò del primo libro della trilogia The queen of the Tearling scritto dalla fantastica Erika Johansen. Non mi dilungo troppo e vi lascio al post!


Risultati immaginiTitolo: The queen of the Tearling
Autore: Erika Johansen
Prezzo: 19 € (cartaceo)
Pubblicazione: 2015
Pagine: 387
Editore: Multiplayer Edizioni
Trama: Il giorno del suo diciannovesimo compleanno, la principessa Kelsea Raleigh Glynn, cresciuta in esilio, intraprende un pericoloso viaggio verso il castello in cui è nata, per riprendersi il trono che le spetta di diritto. Determinata e coraggiosa, Kelsea adora leggere e non somiglia affatto a sua madre, la fatua e frivola regina Elyssa. Protetta dal gioiello del Tearling uno zaffiro blu dagli straordinari poteri magici – e difesa dalla Guardia della Regina – un gruppo scelto di cavalieri guidato dall’enigmatico e fedele Lazarus – Kelsea ha bisogno di tutto l’aiuto possibile per sopravvivere alle cospirazioni dei nemici, che proveranno a impedire la sua incoronazione con agguati, tradimenti e incantesimi di sangue. Una volta diventata regina, e nonostante il nobile lignaggio, Kelsea si dimostra troppo giovane per un popolo e un regno dei quali sa ben poco, oltre che per gli orrori inimmaginabili che infestano la capitale. Kelsea deve scoprire di quale tra i suoi servitori fidarsi, perché rabbia e desiderio di vendetta si annidano fra i nobili di corte e perfino fra le sue stesse guardie del corpo. La sua missione per salvare il regno e compiere il suo destino è appena cominciata: Kelsea sarà chiamata ad affrontare un viaggio alla scoperta di se stessa e una prova del fuoco che la farà diventare una leggenda… se solo riuscirà a sopravvivere!

∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞RECENSIONE ∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞
La prima cosa da dire su questo libro è che è bellissimo,esteticamente parlando. Ha la sovraccoperta in rilievo con la scritta dorata e piena di ghirigori che è stupenda. Per non parlare della parte interna,ha la mappa del regno disegnata sia all’inizio che alla fine. Inoltre è pieno di illustrazioni a cura di Roberto Recchioni che sono bellissime e ti invogliano a leggerlo. Tutto questo anche per spiegarvi perchè costa 19 euro.
 Parliamo della storia adesso. È divisa in 14 capitoli per 387 pagine,quindi molti capitoli sono anche di cinquanta pagine,il che rendeva difficile il momento in cui dovevo fermarmi. Infatti di solito mi fermo quando finisco il capitolo solo che se ne inizi due di seguito molto lunghi ti devi fermare dove capita.
La storia si apre sull’arrivo delle guardie della regina che devono scortare la principessa alla sua fortezza. Questo trasferimento richiede molta attenzione e protezione poiché sono molte le persone che non vogliono che Kelsea diventi regina. Durante tutto il percorso incontrano vari ostacoli che li porteranno a dividersi e ad incontrare nuovi personaggi. Alla fine una volta giunta alla fortezza arriva il momento in cui Kelsea viene a conoscenza di cosa ha fatto la madre per mantenere la pace con i regni circostanti. Da quel momento in poi per tutto il libro la regina Kelsea cercherà di porre rimedio a tutte le azioni intraprese dalla madre e dal suo ultimo legame di sangue ovvero suo zio.
I personaggi più importanti o meglio quelli che hanno avuto un loro punto di vista nella storia sono : Kelsea, Mazza Chiodata, la regina rossa, , fetch, javel, thomas lo zio, padre tyler.
Iniziando da Kelsea. Lei è la principessa che deve diventare regina e quindi la protagonista indiscussa del libro. Kelsea è assolutamente diversa da molte altre protagoniste femminili; è forte,coraggiosa,impavida,talvolta egoista, autoritaria e capace di farsi rispettare da chiunque, per tutte queste ragioni è una dei miei personaggi preferiti in questa storia.
Di seguito abbiamo Mazza Chiodata, ovvero una delle guardie che scorta Kelsea dal cottage in cui viveva fino alla fortezza. Successivamente la regina lo nominerà capitano delle guardie. Questo personaggio si mostra fin da subito molto forte,coraggioso, sgarbato e impossibile da farlo sottostare ad alcun tipo di regole. Sin da subito chiarisce alla regina che se anche è una delle sue guardie,lui non è tenuto a dirgli o a fare tutto quello che gli dice.
A seguire troviamo la regina rossa; di lei sappiamo solo che è malvagia,cattiva e vuole vedere Kelsea morta. Non sappiamo neanche il suo nome e credo che questa sarà una cosa fondamentale per questo non è stato ancora svelato.
Poi abbiamo Fetch il mio personaggio maschile preferito. A lui l’autrice ha dedicato un intero capitolo che è uno dei miei preferiti,in cui lo presenta come un personaggio molto altalenante, sorridente, sarcastico, serio e intelligente.
In seguito troviamo lo zio ,l’unico legame di sangue che gli è rimasto ovvero il fratello della madre. È un personaggio rozzo, maleducato e decisamente stupido. La sua presenza nella storia dura la bellezza di tre secondi.
Infine abbiamo due personaggi diversi: Javes una delle guardie del castello che si infila in un casino enorme dal quale a malapena riesce a tirarsi fuori; insieme a Javes abbiamo padre Tyler colui che incoronerà Kelsea. In questo libro non ha un ruolo di fondamentale rilievo però dai pochi spoiler che ho letto sul secondo libro di questa trilogia lui insieme alla chiesa avrà un ruolo fondamentale!

∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞
Nel insieme ho trovato questo libro fantastico. Era da molto che non leggevo un fantasy cosi diverso dai soliti canoni,un libro che si legge da solo. Ho trovato molto bello lo stile dalla scrittrice che non si è divulgato neanche per un attimo in descrizioni stupide il che mi ha fatto amare questo libro alla follia. Alcuni ritengono che l’inizio della storia sia stato un po' noioso e lento,ma sinceramente non mi trovo d’accordo;sostanzialmente quando inizio un libro che non mi ispira nulla sin dall’inizio fatico tantissimo a leggerlo,invece ho letto questo libro nel giro di due/tre giorni.


VALUTAZIONE

(bellissimo)




E voi lo avete letto? Che ne pensate?

0 commenti:

Posta un commento